Società Italiana di Psicologia Positiva
 
   
 
   
 
 
FORMAZIONE IN PSICOLOGIA POSITIVA

LE NOSTRE PROPOSTE FUTURE, DA ATTIVARE

PSICOLOGIA POSITIVA IN PRATICA: APPLICAZIONI
Andrea Crocetti

Corso Crocetti
"Non è il rumore di un sonaglio a far ridere il bambino, ma il fatto di essere lui a farlo suonare"
Martin Seligman

Il corso propone a psicologi l'apprendimento di tecniche di intervento utili per lo sviluppo del benessere soggettivo, fondate sulla Psicologia Positiva e le relative evidenze empiriche. In particolare, come promuovere il benessere soggettivo attraverso lo stile di vita e stili di pensiero funzionali, la consapevolezza delle proprie reazioni e schemi di collegamento comportamento-rinforzo. Oltre a parti teoriche, saranno proposti esercizi ed esempi di interventi clinici e formativi.

DESTINATARI: psicologi e psicoterapeuti.
METODOLOGIA: lezioni frontali, esercizi e pratiche esperienziali.

PSICOLOGIA POSITIVA E DISABILITÀ: ATTIVARE LE RISORSE PERSONALI E CONTESTUALI PER PROMUOVERE INCLUSIONE
Andrea Fianco

Corso Fianco Corso Fianco "Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi,
lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido"

Albert Einstein

Le evoluzioni teoriche e concettuali che hanno interessato l’ambito della salute e della disabilità hanno contribuito a riconfigurare gli interventi orientati a promuovere l’inclusione sociale delle persone con disabilità. In particolare, l’International Classification of Functioning (ICF) propone un nuovo sguardo attraverso cui osservare la disabilità. Questo sistema di classificazione adottato dall’OMS e proposto a tutte le agenzie educative e socio-sanitarie invita i professionisti della salute a cambiare prospettiva ovvero a porre maggiore attenzione al funzionamento della persona con disabilità, evitando così di focalizzarsi esclusivamente sul deficit, sul disturbo, sulla mancanza e sul problema. Le componenti positive assumono quindi maggiore rilevanza sia in fase di valutazione che in fase di intervento. La scuola rappresenta uno dei luoghi privilegiati in cui mettere in pratica questo approccio anche perché si assiste ad un incremento di diagnosi e segnalazioni di disturbi e comportamenti problema che richiedono interventi specifici (BES, DSA, ADHD, ecc.). L’ICF, adottato a livello nazionale per la stesura di Progetti Educativi Individualizzati (PEI) o di Progetti Didattici Personalizzati (PDP), consente di intervenire sulle risorse (personali e ambientali) della persona con disabilità. Il corso intende pertanto offrire ai partecipanti l’opportunità di acquisire costrutti teorici e strumenti applicativi propri della psicologia positiva per supportare le fasi di osservazione, valutazione e intervento.
DESTINATARI: insegnanti, psicologi, educatori e professionisti che operano nella relazione di aiuto
METODOLOGIA: lezioni frontali alternate ad attivazioni più esperienziali e applicative con esercitazioni su casi.
OBIETTIVI:

  • Trasmettere i principali fondamenti teorici che stanno alla base dell’ICF evidenziandone le possibile applicazioni
  • Approfondire i costrutti di psicologia positiva applicabili alla disabilità e più in generale alla gestione dei disturbi di apprendimento
  • Offrire strumenti concreti e strategie efficaci che favoriscono l’inclusione scolastica
  • Imparare ad orientare la valutazione e l’intervento a partire da una prospettiva che sappia individuare, valorizzare e mobilizzare le risorse personali e ambientali

  • CONTENUTI:
  • ICF: teoria e applicazione
  • Cenni di storia della disabilità: dai freak show alle politiche inclusive
  • Psicologia positiva e disabilità: resilienza, flow, coping, autoefficacia, flourishing, ecc.
  • Comportamenti problema e disturbi di apprendimento: risorse e difficoltà
  • La classe inclusiva: intervenire sul contesto per favorire l’inclusione
  • Stendere un profilo di funzionamento su base ICF: dall’osservazione all’intervento

  • TEMPI: un fine settimana (sabato e domenica) per un totale di 16 ore di formazione

    BEN-ESSERCI: LA NARR-AZIONE COME METODO DI PROMOZIONE DEL SÉ NEL CICLO DI VITA. STRUMENTI EDUCATIVI E CLINICI
    Chiara Ruini, Marta Scrignaro e Elisa Albieri

    Corso Ruini Scrignaro
    "Diventare il proprio vero Sé significa rendere esplicito ciò che implicitamente si è"
    Viktor Frankl

    Spesso l’altro che incontriamo nelle relazioni di aiuto vive un ripiegamento su se stesso e vive una percezione di mancanza di possibilità, di stagnazione, di un crollo del motivo tematico, della trama narrativa della propria biografia. Nell’infanzia e nella preadolescenza può tradursi in difficoltà di apprendimento, in comportamenti definiti devianti o antisociali; nell’ età adulta può manifestarsi come stress, perdita di energia, difficoltà relazionali e nell’anziano, spesso si trasforma in una percezione di inutilità del proprio esserci e di un conseguente "lasciarsi andare". Il saper pro-muovere narr-azioni autobiografiche favorisce nell’oaltro il ritorno ad una condizione di ben-essere. L’atto narrativo produce, infatti, una nuova attenzione a sé che si radica nei sensi, nella presenza a sé e al mondo, in cui il fuori e il corporeo sono altrettanto necessari del dentro e del mentale. Raccontarsi, dunque, non significa semplicemente ripercorrere il passato, bensí risignificarlo nel presente, in questo senso la narrazione è ricreativa, ossia dimostra che l’esistenza non è mai un "dover essere cosí e basta", ma un "poter sempre divenire anche qualcos’altro" (Frankl 2001, p.63). Alla luce di queste premesse il corso descriverà l’utilizzo di molteplici tecniche narrative efficaci nel lavoro in contesti educativi e clinici.
    METODOLOGIA: laboratori esperienziali, cui seguirà una condivisione e un ascolto cognitivo-esperienziale di gruppo e una sistematizzazione teorico-metodologica di quanto vissuto (approccio maieutico). Sono previste, inoltre, discussioni di casi clinici e simulazioni cliniche.
    OBIETTIVI:

  • Acquisire conoscenze e competenze relativamente ad alcune specifiche metodologie autobiografiche di promozione del benessere
  • Incrementare la motivazione a esplorare nuove metodologie narrative per favorire nella relazione di aiuto esperienze di benessere
  • Acquisire conoscenze relative alla visione della relazione di aiuto come relazione narrativamente orientata e riflettere su come questa possa concretizzarsi nella propria esperienza professionale come insegnante, educatore, psicologo, ecc.
  • Aumentare la consapevolezza del proprio atteggiamento rispetto al proprio ben-essere

  • CONTENUTI:
  • Inquadramento teorico-metodologico sulle molteplici tecniche narrative
  • Storytelling, fiabe tradizionali, identità narrativa
  • Applicazioni nella scuola e nella relazione di aiuto (psicoterapia, counselling, psicopedagogia)
  • Applicazioni per la psicologia positiva (benessere, crescita personale, resilienza)

  • TEMPI: 3 seminari, ciascuno focalizzato su una specifica fase del ciclo di vita: infanzia, adolescenza-giovani adulti ed adulti.
    È possibile iscriversi al singolo seminario o all’intero pacchetto formativo (tariffa scontata).
    Ciascun seminario si svolge in una giornata e mezza di formazione (13 ore)

    LA PROMOZIONE DELLE EMOZIONI POSITIVE
    Federico Colombo

    Corso Colombo
    "La gioia e l’amore sono le ali per le più grandi imprese"
    Johann Wolfgang Goethe

    La psicologia, sia a livello sperimentale che clinico, si è a lungo occupata di emozioni quali l’ansia, la rabbia e la tristezza, vissute spesso dalle persone con un senso di disagio. Altre emozioni, come ad esempio la gioia, hanno ricevuto nei decenni scorsi minore attenzione, nonostante anche le emozioni cosiddette "positive" abbiano un proprio valore adattivo in una prospettiva evoluzionistica ed evolutiva. Secondo la teoria proposta da Barbara Fredrickson, le emozioni positive sono in grado di allargare i repertori momentanei di pensiero-azione e quindi favoriscono la costruzione di risorse personali durevoli. Le emozioni positive sono essenziali per promuovere uno sviluppo positivo, ovvero favorire la coltivazione delle potenzialità personali e la costruzione di vite felici dalla prospettiva della psicologia positiva. È possibile individuare diversi esempi di come le emozioni positive possono essere promosse in diversi contesti e in diverse fasce di età grazie ad interventi mirati condotti da specialisti o da insegnanti formati.
    DESTINATARI: insegnanti, educatori, psicologi.
    METODOLOGIA: momenti teorici ed esercitazioni pratiche con analisi di esperienze realizzate sul campo.
    OBIETTIVI:

  • Acquisire le conoscenze di base relative alle emozioni positive
  • Aumentare la consapevolezza di come il proprio atteggiamento può favorire od ostacolare un intervento sulle emozioni
  • Offrire modelli di intervento specifici per diversi ambiti applicativi

  • CONTENUTI:
  • Introduzione teorica
  • Applicazioni nella scuola
  • Applicazioni nei contesti di cambiamento di psicologia positiva
  • Applicazioni in psicologia clinica

  • TEMPI: due giornate per un totale di 16 ore di formazione e progettazione

    TIENI IL TEMPO. PER UN RAPPORTO POSITIVO CON IL TEMPO
    Stefano Gheno

    Corso Gheno
    "Voi occidentali, avete l’ora ma non avete mai il tempo"
    Mahatma Gandhi

    Il tempo può essere inteso come una successione di istanti, considerata sia in sé sia in relazione alle vicende che in essa si svolgono; spesso questa successione di istanti è considerata come una estensione illimitata, infinita, ma al tempo stesso capace di essere suddivisa e misurata. I greci avevano due parole per indicare il tempo: chronos, che è entrata nella nostra lingua (cronometro, cronaca, cronistoria) ed è il tempo contato dall’orologio, dal calendario, e kairos, parola che i latini traducevano con opportunitas, cioè occasione, possibilità, espressione di un modo personale e originale di vivere ed essere nel tempo. In questi anni della globalizzazione, di internet, della connessione veloce, il tempo si misura con nuove unità, con nuove espressioni: quanto è potente la tua connessione, il tempo di accendere il pc, il tempo di inviartelo. In tutti i casi il tempo pare essere una risorsa infinita, i manager lavorano anche 16-20 ore al giorno solo per rispondere a tutti coloro che vivono nelle varie parti del mondo. In tutto ciò resta che il tempo non basta mai, è scarso per definizione. Si tratta quindi di imparare a gestirlo nel modo migliore possibile per evitare che l’urgenza del tempo reale diventi l’unico orizzonte del nostro agire, in questo modo il tempo può divenire un alleato del nostro benessere.
    DESTINATARI: persone che si trovino ad operare in condizioni di scarsità di tempo
    METODOLOGIA: un workshop - dove i partecipanti sono parte attiva del proprio sviluppo e apprendimento - basato sulla riflessione sull’esperienza dei partecipanti e il confronto tra loro. Accanto alle sessioni di contenuto verranno realizzate sessioni esercitative e di auto-casi
    OBIETTIVI:

  • Riflettere sull’elemento tempo, la sua gestione e disponibilità
  • Conoscere gli strumenti per massimizzare l’utilizzo del tempo
  • Acquisire un metodo personale di gestione del tempo che possa migliorare l’uso di questa dimensione concorrendo alla qualità della vita

  • TEMPI: una giornata (8 ore)

    I DOCENTI

    Docenti
    "Per insegnare bisogna emozionare"
    Maria Montessori

    ELISA ALBIERI: è psicologa, psicoterapeuta e dottore di ricerca in Scienze Psicologiche. Collabora da anni con l’Università di Bologna e l’U.O. di Neuropsichiatria Infantile dell’Ausl di Ferrara nell’ambito della ricerca sull’efficacia delle psicoterapie in età evolutiva, con pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali. è cultore della materia presso il Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica all’Università di Bologna. Svolge attività clinica nel territorio ferrarese e tiene corsi di formazione per insegnanti ed educatori, con particolare riferimento ai disturbi specifici dell’apprendimento e alla gestione didattica ed educativa di ragazzi con disturbi comportamentali.

    FEDERICO COLOMBO: psicologo e psicoterapeuta, socio fondatore della Società Italiana di Psicologia Positiva, si occupa di promozione del benessere in ambito scolastico e clinico. È curatore del volume "Psicologia positiva. Applicazioni per il benessere" delle edizioni Erickson.

    ANDREA CROCETTI: psicologo e psicoterapeuta, consigliere della Società Italiana di Psicologia Positiva, si occupa di promozione del benessere in ambito clinico. Collabora con l'ASST Santi Paolo e Carlo, Ospedale San Paolo-Polo Universitario, Milano

    ANDREA FIANCO: PhD, psicologo e psicoterapeuta, è docente a contratto presso l’ Università di Milano dove svolge attività di ricerca nell’ambito della psicologia positiva. Dal 2006 lavora come psicologo scolastico presso alcuni Istituti Comprensivi di Milano e Provincia, dove offre servizi di consulenza rivolti a insegnanti, genitori e alunni.

    STEFANO GHENO: formatore e psicologo, è docente di Psicologia delle Risorse Umane presso l’Università Cattolica e fondatore di Well At Work & Associati.

    CHIARA RUINI: è professoressa associata in Psicologia Clinica all’Università di Bologna dal 2014. È autrice di più di sessanta articoli scientifici pubblicati in riviste nazionali ed internazionali. Attualmente incentra la sua ricerca sulle strategie di intervento clinico e di prevenzione/promozione del benessere, delle risorse personali a livello individuale , familiare e di gruppo, nelle varie fasi di vita (infanzia, adolescenza, età adulta e invecchiamento).

    MARTA SCRIGNARO: è docente di Metodi e Tecniche di Intervento per la Promozione del Benessere presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Lavora come consulente di ricerca e intervento nell’ambito delle Scienze Umane e Sociali. I suoi principali interessi riguardano la promozione del benessere e dei processi di resilienza e crescita post-traumatica nel contesto della malattia sia in età adulta che adolescenziale. È esperta nell’ utilizzo della narrazione autobiografica nei contesti di cura. Dal 2008 è membro del consiglio direttivo della Società Italiana di Psicologia Positiva.

    Psicologia Positiva

    In futuro

    Giornate Nazionali di Psicologia Positiva - X Edizione
    "Dalla teoria all'applicazione: quali evidenze dalla psicologia positiva?"
    9-10 giugno 2017

    Università LUMSA, Roma
    per iscriverti clicca
    Vai a...
    DEADLINE CALL FOR ABSTRACTS
    17 MARZO 2017

    VII Convegno internazionale della scuola
    "Schools should be places for talent development" "
    31 marzo-1 aprile 2017

    per iscriverti clicca
    Vai a...

    XV Congresso internazionale ISQOLS
    "Quality of life: Towards a better society"
    28-30 settembre 2017 - Innsbruck


    Clicca Vai a...

    XII Congresso nazionale SIPSA
    "Psicologia come scienza della salute"
    3-5 novembre 2017 - Firenze

    Università degli Studi di Firenze - Piazza San Marco, 4
    Clicca Vai a...

    In passato

    Giornate Nazionali di Psicologia Positiva - IX Edizione
    9-11 giugno 2016 - Cesena (Italia)

    8th European Conference on Positive Psychology
    28 giugno - 1 luglio 2016 - Angers (Francia)
    Vai a...

    Giornate Nazionali di Psicologia Positiva - VIII Edizione
    12-13 giugno 2015 - Bergamo (Italia)

    Vai a... Nutrire Positività. Ricerche e interventi per la promozione del benessere.

    Congresso Mondiale di Psicologia Positiva
    Vai a... 25-28 giugno 2015 - Lake Buena Vista, Florida (USA)

    Giornate Nazionali di Psicologia Positiva - VII Edizione
    6-7 giugno 2014 - Firenze (Italia)

    Vai a... La Psicologia Positiva e la sfida della complessità

    Giornate Nazionali di Psicologia Positiva - VI Edizione
    22-23 febbraio 2013 - Milano (Italia)

    Vai a...
    Promuovere risorse nel cambiamento

    Giornate Nazionali di Psicologia Positiva - V Edizione
    11-12 novembre 2011 - Milano (Italia)

    Vai a... Il benessere nel quotidiano. Ricerche e pratiche a confronto (con il video della Main Lecture "Work Engagement")

    IV Giornata Nazionale di Psicologia Positiva
    4-5 novembre 2010 - Bologna (Italia)

    Vai a... Psicologia Positiva: Modelli e Interventi Clinici

    III Giornata Nazionale di Psicologia Positiva
    6 novembre 2009 - Roma (Italia)
    Vai a... Psicologia dello sport e psicologia positiva a confronto

    II Giornata Nazionale di Psicologia Positiva
    15 novembre 2008 - Chieti (Italia)

    Vai a... Qualità della vita: Prospettive a confronto

    I Giornata Nazionale di Psicologia Positiva
    1 dicembre 2007 - Milano (Italia)

    Vai a... Costruire e condividere benessere - Scarica i materiali

    European Conference on Positive Psychology (ECPP)

    • 2-4 luglio 2014 (7th ECPP) Amsterdam - Olanda
    • 26-29 giugno 2012 - (6th ECPP) Mosca - Russia
    • 23-26 giugno 2010 - (5th ECPP) Copenaghen - Danimarca
    • 1-4 luglio 2008 - (4th ECPP) Opatija - Croatia
    • 3-6 luglio 2006 (3rd ECPP) Braga - Portogallo
    • 5-8 luglio 2004 (2nd ECPP) Verbania Pallanza - Italia
    • 28-30 giugno 2002 (1st ECPP) Winchester - Inghilterra

    Congresso Mondiale di Psicologia Positiva

    • 27-30 giugno 2013 - Los Angeles (California - USA)
    • 18-21 giugno 2009 - Filadelfia (USA)
    • 23-26 luglio 2011 - Filadelfia (USA)

    Decennale della Società Italiana di Psicologia Positiva
    Vai a... 22 novembre 2014 - Milano (Italia)

    International CIANS Conference 2006
    17-18 giugno 2006 Milano (Italia)
    Vai a... Simposio - Positive Psychology: A New Perspective in Basic and Applyed Research

    XIII Congresso Nazionale AIAMC: VIVERE UNA SOCIETÀ A RISCHIO
    6-7-8 maggio 2005 Milano (Italia)

    Vai a...
    Psicologia Positiva: Teorie ed applicazioni - Psicologia Positiva: Modelli e interventi clinici

     

    Copyright © 2008 Società Italiana di Psicologia Positiva - Codice fiscale: 97401930157